I pellegrinaggi

Sono due gli appuntamenti per i devoti di San Francesco Caracciolo:

primo sabato di maggio: solenne processione dei compatroni di Napoli


la suggestiva processione dei busti argentei dei compatroni di Napoli parte nel pomeriggio dal Duomo e termina nella basilica di Santa Chiara. I Santi sfilano in ordine decrescente di "anzianità" quali compatroni. Chiude la processione San Gennaro. Nella basilica, alla presenza dell'Arcivescovo e dei Deputati di San Gennaro, si attenda con trepidazione il miracolo della liquefazione del sangue di San Gennaro (una delle tre di ogni anno).

San Francesco Caracciolo è stato proclamato compatrono di Napoli nel 1843.

 

2 giugno: il pellegrinaggio di 30 km a piedi dal luogo della nascita (Villa Santa Maria) a quello della morte (Agnone) del Santo 


Il pellegrinaggio ripercorre l’ultimo tratto del viaggio che il Santo, di ritorno da Loreto, stava facendo sulla via del ritorno verso Napoli: dopo essere passato a Villa Santa Maria per salutare i suoi parenti, era giunto ad Agnone, dove la morte lo colse improvvisamente il  4 giugno 1608.
Il pellegrinaggio percorre la cosiddetta “via degli oliarai”, che anticamente collegava Villa Santa Maria con Agnone passando per Roio del Sangro, l’abetina di Rosello, Montecastelbarone  e Sant’Onofrio.


Il programma prevede: partenza a piedi alle ore 9.00 da Roio del Sangro, davanti al monumento del cuoco (ci sarà un pullman da Villa Santa Maria per raggiungere Roio del Sangro, con partenza ore 8);  pranzo proprio al sacco a Montecastelbarone; arrivo ad Agnone all’ospedale San Francesco Caracciolo entro le ore 17; inizio processione dall’ospedale attaversando il centro città fino alla chiesa dell’Annunziata (1km), dove alle 18 viene concelebrata dai padri caracciolini la Santa Messa in onore del Santo.
Il giorno precedente (1 giugno) i pellegrini possono vivere un momento di convivialità a partire dalle ore 20.30 a Villa Santa Maria in onore del santo patrono.
                                                                      
#spiritualità          #natura          #condivisione